Prossimi eventi

Nov
22
mer
TELEFON TEL AVIV @ Locomotiv Club | Bologna | Emilia-Romagna | Italia
TELEFON TEL AVIV + Ofeliadorme
Apertura porte 21:00
10 euro | riservato ai soci del circolo con tessera aics 2017-2018
TELEFON TEL AVIV @ Locomotiv Club | Bologna | Emilia-Romagna | Italia

1999: è grazie ad un’amicizia nata ai tempi del liceo, quella tra Joshua Eustis e Charles Cooper, che nasce una delle avventure più preziose nel campo delle sonorità elettroniche degli ultimi quindici anni e passa.

Telefon Tel Aviv inizia infatti così: spontaneamente, per amore della musica (i due fin da ragazzi hanno suonato in varie band locali, nella loro New Orleans). Il passo successivo diventa mandare del materiale alla Hefty, label di Chicago punto di riferimento assoluto in America, in quegli anni, per l’elettronica più intelligente e sofisticata. Un invio che sfocia in un immediato contratto e nella release dell’album “Fahrenheit Fair Enough”, anno 2001. Un disco che cattura subito attenzioni a livello mondiale. Inevitabile: nel mondo sonoro di Eustis e Cooper, la galassia IDM (echi di Autechre, Aphex Twin…) si incrocia con insospettabile eleganza con rimandi a hip hop, soul, house.

Il lavoro successivo, “A Map Of What Is Effortless” (2004), affina ancora di più la ricetta, insistendo maggiormente sul lato melodico ed emozionale e aggiungendo in alcuni brani anche cantati veri e propri, in una perfetta traduzione di come potrebbe essere un r’n’b dell’ultra-futuro. La collezione di remix che esce tre anni più tardi, 2007, testimonia la considerazione raggiunta dai Telefon Tel Aviv nella scena musicale – in campo nomi come Apparat e Nine Inch Nails, tra gli altri. Il 2009 segna l’approdo alla BPtich, la label diretta da Ellen Alien: “Immolate Yourself” è un disco molto più scuro dei suoi predecessori ma al tempo stesso, in modo imprevedibile, anche più pop sotto molti punti di vista.

Proprio durante le settimane di uscita in Europa e negli Stati Uniti di questo terzo album, l’attesa sulle mosse successive dell’avventura Telefon Tel Aviv viene spezzata da una notizia drammatica: la scomparsa improvvisa di Cooper. Eustis decide, ovviamente, di mettere in pausa tutto. Riprendendo piano piano a fare musica si dà un altro nome per le proprie release, Sons Of Magdalene, e fa uscire un album (“Move To Pain After Years Of Self-Doubt”, 2014). Ma nel 2016 arriva la voglia, la serenità, la consapevolezza, l’orgoglio di rimettere in campo la sigla originaria: la prima grande avventura è un tour negli Stati Uniti come spalla dei Moderat – nel contempo la Ghostly, l’etichetta di Matthew Dear, Tycho, Gold Panda, Com Truise, sotto molti punti di vista una perfetta “erede” dello spirito della Hefty, ristampa il debutto “Fahrenheit Fair Enough”.

Telefon Tel Aviv torna a vivere, con tanto di nuovo materiale in arrivo. Una notizia splendida per tutti. In primis per chi ama la bellezza, la grazia e l’anima nella musica elettronica.

READ MORE:
www.telefontelaviv.com
www.facebook.com/telefontelavivofficial

Nov
23
gio
DUTCH NAZARI + FRAH QUINTALE @ Locomotiv Club | Bologna | Emilia-Romagna | Italia
DUTCH NAZARI + FRAH QUINTALE + ERA SERENASE
Apertura porte 20:30
10 euro + d.d.p | riservato ai soci del circolo con tessera aics 2017-2018
DUTCH NAZARI + FRAH QUINTALE @ Locomotiv Club | Bologna | Emilia-Romagna | Italia

Dutch Nazari

Dutch Nazari, classe 1989, è nato e cresciuto a Padova, dove all’età di 16 anni si è avvicinato alla scena hiphop, contribuendo a fondare il collettivo Massima Tackenza, gruppo tuttora musicalmente attivo.

Negli anni dell’università, l’incontro con il poeta Alessandro Burbank e con il producer Sick et Simpliciter (al secolo Luca Patarnello) lo hanno portato ad avvicinarsi a sonorità elettroniche e a mescolare le metriche del rap con la cifra comunicativa dei poetry slam.

Nel 2014 Dutch Nazari entra nel roster di Giada Mesi, etichetta fondata da Dargen D’Amico, con la quale nell’autunno dello stesso anno pubblica l’ep dal titolo “Diecimila Lire”. L’ep, interamente prodotto da Sick et Simpliciter, riscuote grande interesse sia da parte della critica che del pubblico, posizionandosi ai vertici delle classifiche dei “migliori dischi del 2014” dei principali portali del settore.

Nell’estate del 2016 esce l’ep “Fino a Qui”, sei tracce (cinque inediti ed un remix), che accompagnano i fans in continua crescita verso la pubblicazione di “Amore Povero”, il primo album sulla lunga distanza, in uscita per l’etichetta Giada Mesi, in collaborazione con Undamento Records. La produzione del disco è ancora una volta affidata a Sick et Simpliciter che oltre ad accompagnare Dutch in studio, lo seguirà anche live nel le date dell’ “Amore Povero Tour”.

READ MORE:
https://www.facebook.com/dutchnazari/

Frah Quintale

Frah Quintale è un artista che spazia con disinvoltura tra
batterie rap e chitarre indie. L’esordio solista con l’EP
“2004” (Undamento), ha ottenuto un buon riscontro di
pubblico e dei media musicali, che lo hanno definito “uno
dei migliori prodotti musicali indipendenti del 2016”. Con
la produzione di Ceri, il progetto è stato interamente
realizzato in autonomia da Frah Quintale, che ne ha
curato le grafiche, i video ed i comunicati stampa, scritti
a mano. Ora è finalmente arrivato il momento del nuovo
progetto che, con la produzione di Ceri, vedrà luce in
autunno 2017. Il lavoro prenderà forma man mano
attraverso una playlist Spotify chiamata “Lungolinea” nella quale confluiranno singoli,provini, parti strumentali e messaggi vocali, un flusso creativo che andrà a comporre la release finale in uscita per Undamento. Dopo “8 miliardi di persone”, “Hai visto mai”, “Sabato nel Parco” e “Cratere”, “Nei treni la notte” è l’ultimo brano che si aggiunge a “Lungolinea.” A breve uscirà l’album che accoglierà i singoli usciti e brani inediti.

READ MORE:
https://www.facebook.com/frahone.quintale/

Era Serenase

Era Serenase nasce nell’estate del 2014, per scherzo.
I cugini, Davide “Sfera” Brancato (rapper e songwriter) e Serena “Serenase” Gargani (cantante, beatmaker e videomaker), decidono di scrivere, registrare e girare il video della canzone “Minyponi” nel giro di due giorni, quasi per scommessa.
Il risultato è divertente e nei mesi successivi escono su youtube con altre due canzoni, “Cartongesso” e “Crystal-ball”, l’ultima delle quali li porta tra i 5 selezionati della categoria rap/hip-hop del concorso per cantautori “Genova per voi” nel 2015. Dopo questa esperienza, decidono di dedicarsi al loro primo album, chiusi nella loro casa in campagna tra orto, galline e capre, la MusicFarm.
Il disco uscirà per l’etichetta Prisoners Records, in collaborazione con StudioOstile e Greenfog.

READ MORE:
https://www.facebook.com/eraserenase/

Nov
24
ven
ASGEIR @ MURATO! @ Locomotiv Club | Bologna | Emilia-Romagna | Italia
ASGEIR @ MURATO!

Presentato da MURATO!

Apertura porte 21:30
15 euro + d.d.p - riservato ai soci del circolo con tessera aics 2017-2018
ASGEIR @ MURATO! @ Locomotiv Club | Bologna | Emilia-Romagna | Italia

A quattro anni dal pluripremiato “In The Silence”,
ÁSGEIR, il compositore e polistrumentista islandese
che ha conquistato il cuore degli appassionati di pop sopraffino e venduto milioni di copie, torna con “Afterglow”.

Nov
25
sab
DARDUST / Special Guest LUCA CARBONI @ Locomotiv Club | Bologna | Emilia-Romagna | Italia
DARDUST / Special Guest LUCA CARBONI

Presentato da BPM Concerti

Apertura porte 21:30
10 euro + d.d.p. | riservato ai soci del circolo con tessera aics 2017-2018
DARDUST / Special Guest LUCA CARBONI @ Locomotiv Club | Bologna | Emilia-Romagna | Italia

Prima di trasferirsi a Londra per la registrazione del capitolo conclusivo della trilogia discografica che l’ha già visto calcare l’asse geografico Berlino-Reykjavìk nella realizzazione dei fortunatissimi “7” e “Birth”, Dardust sceglie di ripercorrere per l’ultima volta dal vivo il racconto audiovisivo che l’ha reso indimenticabile sui più famosi palchi internazionali.

Dopo il successo propagatosi in Italia e all’estero per oltre 75 date, dove ha suonato in prestigiosi festival come l’Eurosonic in Olanda, il SXSW in Usa e il Nilüfer Musik Fest in Turchia sbalordendo pubblico ed addetti ai lavori con uno show senza eguali, Dardust oggi è pronto a tornare in scena per uno strepitoso #GranFinale.

Sei i concerti evento che passando da Londra riporteranno in cinque storiche città italiane l’universo musicale del pianista tra i più ascoltati su Spotify con oltre 10 milioni di riproduzioni all’attivo, ultimi appuntamenti per esserne ancora testimoni, in uno splendido ed emozionante #GranFinale, un epico arrivederci prima di una lunga pausa creativa.

Nov
28
mar
CESARE BASILE @ Locomotiv Club | Bologna | Emilia-Romagna | Italia
CESARE BASILE + La Metralli
Apertura porte 21:00
8 euro | riservato ai soci del circolo con tessera aics 2017-2018
CESARE BASILE @ Locomotiv Club | Bologna | Emilia-Romagna | Italia

“Questa è la storia della Dannata, la città in cui per sortilegio gli offesi sono grati a chi li offende. La storia della tromba d’aria che viene a distruggerla, la storia che si racconta quando una donna si fa scuro e tempesta per giustizia o per vendetta. La vigilia, la sorte imprevista, i passi di un bastone che ruota nella quiete, il gioco dell’oca della rivolta, il fuoco dello sconfitto deriso e beffato financo dal demonio.
È storia narrata agli angoli delle piazze dalla voce consumata di un vecchio cuntista.
Ed è la paura, il nostro insoddisfatto bisogno di consolazione.” – Cesare Basile.

A quasi due anni di distanza dal precedente “Tu prenditi l’amore che vuoi e non chiederlo più” che è valso una Targa Tenco per il miglior disco dialettale del 2015, ecco tornare Cesare Basile con un nuovo album di storie e canzoni: “U Fujutu su nesci chi fa ?”

Ancora una volta l’autore dà forma e sostanza a un pugno di canzoni che si materializzato immediatamente in altrettanti pugni nello stomaco di chi ascolta.
Ancora una volta la scelta ricade sul dialetto siciliano, che si fa lingua e suono, oscuro e vivo, arcaico e contemporaneo al tempo stesso.
E’ il suono del disco a marcare un fluire musicale totalmente inedito: è un mantra mediterraneo fatto di blues e di musica africana, di brani ipnotici spesso basati su uno solo accordo, di polifonie vocali e di controcanti femminili, di ossessive poliritmie percussive.

Anche questa volta, sul palco con Cesare Basile una formazione molto interessante che vede aggiungersi a Massimo Ferrarotto, Luca Recchia e Simona Norato anche Sara Ardizzoni e Roberta Gulisano.

Nov
30
gio
BOBO RONDELLI @ Locomotiv Club | Bologna | Emilia-Romagna | Italia
BOBO RONDELLI
Apertura porte 21:30
15€ riservato ai soci del circolo con tessera aics 2017-2018
BOBO RONDELLI @ Locomotiv Club | Bologna | Emilia-Romagna | Italia

A due anni di distanza dal celebrato “Come i Carnevali”, seguito dal tributo a Piero Ciampi uscito lo scorso anno, il cantautore livornese Bobo Rondelli torna con il nuovo album in studio dal nome “Anime Storte”, in uscita a ottobre 2017 sulla label The Cage con distribuzione Sony Music Italy.
Rondelli continua a vivere la sua seconda giovinezza artistica e per comporre questo disco si fa ispirare dalla figura delle persone semplici dei giorni nostri, virtualmente ingolfati di amicizie social, ma realmente sempre più soli e alienati. E’ proprio il singolo “Soli”, nelle radio da settembre, ad anticipare l’intero lavoro, seguito da un bellissimo video di Tommy Antonini.
La produzione e gli arrangiamenti sono affidati alle sapienti mani di Andrea Appino (Zen Circus), nel disco anche la partecipazione di Bocephus King e Francesco Pellegrini (Zen Circus).
Bobo Rondelli sarà protagonista di un tour a novembre, a cura di Locusta. Questa la band che lo accompagnerà dal vivo: Fabio Marchiori, Simone Padovani, Stive Lunardi, Valerio Fantozzi e Matteo Pastorelli.

READ MORE:
http://boborondelli.de/
https://www.facebook.com/BoboRondelliDE
www.locusta.net

Dic
1
ven
SOLSTAFIR + MYRKUR @ Locomotiv Club | Bologna | Emilia-Romagna | Italia
SOLSTAFIR + MYRKUR

Presentato da Freakout Club

Apertura porte 21:30
18 euro + d.d.p. | riservato ai soci del circolo con tessera aics 2017-2018
Dic
2
sab
JULIA HOLTER @ Locomotiv Club | Bologna | Emilia-Romagna | Italia
JULIA HOLTER

Presentato da Comcerto

Apertura porte 20:30
20 euro + d.d.p. | riservato ai soci del circolo con tessera aics 2017-2018
JULIA HOLTER @ Locomotiv Club | Bologna | Emilia-Romagna | Italia

La cantautrice e compositrice americana Julia Holter
arriva in Italia a Dicembre con il suo nuovo lavoro, “In The Same Room”. L’album, che fa parte del progetto “Documents” della Domino Records, è stato registrato nei Rak Studios di Londra dalla Holter e la sua band a pochi giorni di distanza dal suo concerto al Green Man in Galles.

Dic
5
mar
JOE VICTOR @ Locomotiv Club | Bologna | Emilia-Romagna | Italia
JOE VICTOR
Apertura porte 23:59
10 euro + d.d.p. | riservato ai soci del circolo con tessera aics 2017-2018
JOE VICTOR @ Locomotiv Club | Bologna | Emilia-Romagna | Italia

Joe Victor è uno dei gruppi più luminosi e talentuosi della scena indipendente italiana. Il suo sound è la tempesta perfetta tra una scrittura eclettica e l’energia del Foot stompin’ Rock and Roll.

I Joe Victor nascono suonando a Roma e pubblicano nel 2015 il loro primo album, “Blue Call Pink Riot”. Il sound della band è frutto dell’incontro del lato più spirituale del folk americano, del rock anni ’70 e del pop anni ’80. Il risultato è una musica “soulful”, il cui coinvolgimento emotivo esplode letteralmente durante i live, cercando, ad ogni concerto, di riscoprire l’essenza del rock & roll: la musica che si ribellava alle regole sociali ed intellettuali. I Joe Victor, non sono social, non sono sociali, non parlano di “noi”, raccontano di ciò che eravamo e che, forse, ritorniamo ad essere solo all’apice di un concerto.

Le influenze del gruppo sono, fra tanti, Blind Willie Johnson, Blind Willie McTell, Dave Van Ronk, Exuma, Frankie “Zeke” Hart, Skip Spence, Beach Boys, Simon & Garfunkel e James Brown.

Dic
6
mer
THE HORRORS @ Locomotiv Club | Bologna | Emilia-Romagna | Italia
THE HORRORS + Mueran Humanos
Apertura porte 20:30
20 euro + d.d.p | riservato ai soci del circolo con tessera aics 2017-2018
THE HORRORS @ Locomotiv Club | Bologna | Emilia-Romagna | Italia

A tre anni di distanza dall’acclamato album del 2014 “Luminous”, i The Horrors fanno ritorno sulla scena musicale con “V”, il loro quinto, per l’appunto, album in studio, in uscita il 22 Settembre via Wolftone/Caroline International. Il disco, prodotto da Paul Epworth – già noto per le sue importanti collaborazioni con artisti del calibro di FKA Twigs, Lorde, Rihanna, Adele, London Grammar, Florence and the Machine, Coldplay, U2 e Paul McCartney – è stato anticipato da “Machine”, un singolo dall’andamento ossessivo, dark e industrial che mostra la band pronta a tornare sulla scena con rinnovata energia.

 

Formatisi nel 2005 dall’incontro tra Faris Badwan, Joshoua Hayward, Tom Cowan, Rhys Webb e Joseph Spurgeon, The Horrors sono uno dei gruppi più cool ed originali del panorama indipendente internazionale. Il loro successo inizia nel 2006: il gruppo esce finalmente dall’underground musicale londinese grazie al particolare video del loro primo singolo, “Sheena Is A Parasite”, diretto da Chris Cunningham (famoso per i video di Aphex Twin e Björk), che vede la partecipazione del premio Oscar Samantha Morton. Nell’agosto 2006 la band guadagna la copertina di NME partecipando poi al NME Rock ‘n’ Roll Riot Tour e, più recentemente, al NME Awards Indie Rock Tour. Il successo del gruppo è dovuto al particolare sound, che sembra ricordare i film dell’orrore della prima metà del ‘900 con una buona dose di ruvidità punk e un pizzico di glamour indie. La loro parabola artistica, tanto camaleontica quanto unitaria e coerente, ha declinato in più forme le possibili mutazioni del pop, ponendosi non tanto come ponte sul passato, ma come autentico specchio dei nostri tempi. “Strange House”, uscito il 5 marzo 2007, è il loro disco d’esordio. Con l’album la band stupisce tutti grazie ad un suono spontaneo che ha messo subito in evidenza l’enorme talento della band, capace come nessun altro di variare tra garage rock, dark, goth e post punk. Con “Primary Colours,” pubblicato il 4 maggio del 2009, i The Horrors cambiano completamente rotta sotto il profilo dello stile e della ricerca sonora, realizzando un disco assolutamente strepitoso, curato in ogni dettaglio, che mette insieme in maniera davvero originale le influenze post punk e shoegaze della band. Prodotto da Geoff Barrow dei Portishead il sound della band si posiziona all’incrocio tra post-punk, psichedelica e krautrock. Con “Skying” (2011) la band cambia ancora una volta look e formula, ma non il risultato, ovvero un altro disco straordinario che li conferma come uno dei migliori gruppi in circolazione, capace di costruire nuove architetture sonore, muovendosi con disinvoltura tra suoni ed influenze diverse. Acclamato dalla stampa internazionale e considerato il loro lavoro migliore, Skying mostra il lato più pop e psychedelico della band. Il 5 maggio 2014 la band pubblica, per XL Recordings, “Luminous”. Contenente i singoli “I See You” e “So now you know”, il lavoro calibra in senso pop la formula psichedelica, shoegaze, wave e cinematica coltivata negli ultimi due lavori. “V” è il quinto album della band ed nuova tappa della loro evoluzione musicale. “È un rischio”, dice Faris Badwan discutendo sul rigido rifiuto della band ad arrestersi. “Ma la vita non è molto divertente senza rischi. È l’antitesi della creatività sapere cosa stai per fare ogni volta”.
Il tastierista Tom Cowan continua: “È naturale, se ti vedi come un artista, progredire e non “giocare al sicuro”.
“Quando abbiamo iniziato”, spiega il bassista Rhys Webb, “avevamo un’idea molto chiara di ciò che volevamo fare, qualcosa il più rumoroso e furioso possibile. E, anche se abbiamo iniziato con questo sound garage punk, avevamo sempre dentro di noi questa voglia di sperimentare ed esplorare”.

Read More:
https://www.facebook.com/horrorsofficial