Prossimi eventi

Apr
29
sab
OSC2X + MR.EVERETT + TERSO @ Locomotiv Club | Bologna | Emilia-Romagna | Italia
OSC2X + MR.EVERETT + TERSO
Apertura porte 21:30
8€
OSC2X + MR.EVERETT + TERSO @ Locomotiv Club | Bologna | Emilia-Romagna | Italia

OSC2X
Osc2x è controverso: massima libertà espressiva e perfezionismo, musica pop ed elettronica, dreadlocks e occhi azzurri, matite nell’orecchio, cultura punk, basso, batteria, chitarra, sintetizzatori, ma solo due persone per un unico grande spettacolo. Nelle calde sere di 10 anni fa, Vittorio Marchetti usciva dalla propria stanza per avvicinarsi al mondo dei grandi. La sua musica prendeva forma e sfogava ogni aspetto espressivo nell’approccio con gli strumenti musicali. Sintetizzatori e computer, tutta la notte fino alla mattina per poi cominciare la giornata, vivere la propria vita e aspettare che la notte torni ancora una volta. Osc2x è stato per lunghi tratti, l’altro modo di vivere la vita di Vittorio Marchetti, tra dubbi, paure, gioie e oscillatori. Per un nome non semplice da ricordare, soprattutto perché racchiude dentro un mondo fin troppo complesso. Un mondo che si può sintetizzare solamente su un palco, davanti alle persone o nelle cuffie di chi non ha ancora trovato la propria colonna sonora.

READ MORE:
https://www.facebook.com/Osc2x/

MR.EVERETT
Mr Everett è un non-personaggio, un’identità collettiva che nasce dall’unione di tre animali e un cyborg: Rupert. Rupert proviene da un universo non ben precisato, un orizzonte immaginario al confine tra realtà e fumetto. Il progetto, ibrido per vocazione, porta avanti la sua narrazione tutta originale del viaggio di Rupert sulla terra, “scortato” e a volte impaurito dall’imponenza sonora di Mr. Fox e Mr. Bear, sue controparti animali. Mr. Owl è invece la voce umana di Rupert, la sua vera e propria controfigura in carne e ossa, il suo doppio/doppelganger con cui è in costante dialogo.
Mr Everett è il prodotto delle menti di quattro ragazzi con base a Bologna: il progetto nasce dall’intenzione precisa di portare la perfomance nell’elettronica da club impreziosendo il tutto con sofisticate sfumature pop.

READ MORE:
https://www.facebook.com/mreveretty/

TERSO
Tersø nasce a Bologna nel Febbraio 2016 ed è composto da Luca Ferriani, Alessandro Renzetti, Alessio Festuccia e Marta Moretti. La fase di scrittura e produzione dei brani è stata fin da subito caratterizzata dall’unione di sonorità elettroniche, testi in italiano e sample vocali. L’incontro con il producer e sound engineer Marco Caldera porta ad un’ulteriore definizione del suono e dell’immaginario dei cinque brani scelti per l’EP. I missaggi delle canzoni sono stati affidati allo stesso Caldera ed eseguiti al Red Carpet Studio di Brescia nel luglio 2016 e masterizzati poi da Kai Blankenberg e Jens Dressen allo Skyline Tonefabrik di Dusseldorf (Germania

READ MORE:
https://www.facebook.com/pg/tersomusica/

Mag
5
ven
THE SONICS @ Locomotiv Club | Bologna | Emilia-Romagna | Italia
THE SONICS
Apertura porte 21:00
20€ + ddp
Mag
6
sab
BOMBINO @ Locomotiv Club | Bologna | Emilia-Romagna | Italia
BOMBINO
Apertura porte 21:00
15€ + ddp
BOMBINO @ Locomotiv Club | Bologna | Emilia-Romagna | Italia

“Azel” è l’ultimo disco di Bombino, uscito lo scorso aprile; Registrato a Woodstock – cosa non priva di significato per un artista che considera Jimi Hendrix e Carlos Santana due delle sue maggiori fonti di ispiraziore – nello Applehead Studio per la Partisan Records, sotto la guida di Dave Longstreth dei Dirty Projectors (che prende il posto di Dan Auerbach dei Black Keys, produttore/mentore di “Nomad”) e mixato da David Wrench (per quattro volte vincitore del premio “produttore dell’anno” della BBC e già al lavoro con FKA Twigs, Caribou, Jungle, Charlie XX).
Il tocco “occidentale” di Longstreth e la voce di “Mahassa” Walet Amoumene, cantante del gruppo Tuareg tutto al femminile Tartit e ospite del disco, danno nuova profondità alla musica di Bombino e la avvolgono di calore e colore, perfetto contraltare alla sua anima inquieta e ai suoi testi malinconici.
Stella del desert blues, Bombino è nato e cresciuto in Niger, ad Agadez, nel nord dell’Africa, nella tribù dei Tuareg Ifoghas, che lotta da secoli contro il colonialismo e l’imposizione dell’Islam più severo.
Nella sua lingua nativa, il Tamasheq, la parola Azel ha diversi significati: oltre ad essere il nome di un piccolo villaggio del Niger cui Bombino è particolarmente legato, significa soprattutto radici e, al tempo stesso, rami di un albero. Ancoraggio alla Storia e sviluppo verso nuove direzioni future.
Bombino suona in modo solare e colorato, sì, ma canta la sua nostalgia del deserto e la preoccupazione per un’identità minacciata che, tuttavia, per non estinguersi, deve comunque fare i conti con il mondo contemporaneo.

READ MORE:
http://www.bombinomusic.com/
https://www.facebook.com/bombino.official/

Mag
11
gio
IN ZAIRE + MAI MAI MAI - a seguire Jonathan Clancy djset @ Locomotiv Club | Bologna | Emilia-Romagna | Italia
IN ZAIRE + MAI MAI MAI – a seguire Jonathan Clancy djset
Apertura porte 21:30
8€
IN ZAIRE + MAI MAI MAI - a seguire Jonathan Clancy djset @ Locomotiv Club | Bologna | Emilia-Romagna | Italia

IN ZAIRE
Gli IN ZAIRE sono: Alessandro De Zan e Riccardo Biondetti (G.I. Joe), Stefano Pilia (Massimo Volume, Il Sogno del Marinaio con Mike Watt), Claudio Rocchetti.
In Zaire stanno chiudendo questo capitolo, aperto nel 2013 con il loro acclamato album di debutto “White Sun Black Sun” (Tannen records, Sound Of Cobra). Questa volta, la febbre danzante assume nuovi ambienti, nuovi mondi, nuove visioni. “Visions Of The Age To Come” verrà rilasciato da Sound Of Cobra Records questa primavera. Otto tracce dalle appendici tentacolari, psichedelia dionisiaca che si intreccia a ritmi serrati e geometrie megalitiche; le visioni ci conducono verso il desiderio dell’ignoto con più consapevolezza rispetto ai punti tracciati in precedenza dalla band. Al centro di tutto questo c’è il ronzio di fondo dell’universo e delle sue infinite vibrazioni, questo è coraggiosamente affermato con “Hermes Dance”, il brano di apertura dell’album. Esso funziona come una visione di presagio che mostra gli elementi essenziali della band: il ritmo come pennello di un’ampia tavolozza di atmosfere ed emozioni sempre mutevoli. Questo nuovo capitolo si è appena aperto, In Zaire raccolgono quello che hanno seminato in passato: una pletora di riff ad alta energia ed esplosioni vulcaniche che comunicano tra loro e ci accompagnano in una danza dicotomica fatta di caos e forma. Il predecessore “White Sun Black Sun” era stato allevato in focolai musicali molto più offuscati, invece “Visions Of The Age To Come”” mette a fuoco il caleidoscopio espressivo di proiezioni (o percezioni?) ed è così che si bilacia il dialogo tra realtà interna ed esterna. Si conclude con quella che probabilmente è la traccia chiave: “The Seven Sermons Of The Dead”, il riff assume lineee sinuose come quelle di un serpente in un viaggio vertiginoso, che dichiara compiuto il rito di iniziazione. Si chiude il sipario, un finale che da vita ad un nuovo inizio – L’età degli In Zaire che verrà è promettente.

READ MORE:
https://www.facebook.com/In-Zaire-109050415832929/


MAI MAI MAI
Mai Mai Mai è la messa in musica di un lungo viaggio attraverso il Mediterraneo, un miscuglio di drone e ambient, ritmiche vaporose, field recordings e ambientazioni sonore che ci trasportano in epoche arcane, al confine fra la vecchia Europa ed il mistico Oriente. Theta è il primo album ed esce per Boring Machines nel Novembre 2013. Registrato a Roma da V. Fisik e mixato a Los Angeles da Jamie Stewart (Xiu Xiu). La seconda parte di questo viaggio è Delta, uscito per Yerevan Tapes nel Maggio 2014. Terza e ultima parte di questo viaggio è il nuovo LP “Phi” , uscito su Boring Machines e Not Not Fun nel novembre 2016, con ospiti di riguardo come Luca Venitucci e Lino Capra Vaccina (Aktuala, Telaio Magnetico).

READ MORE:
https://www.facebook.com/maimaimaikr/

Mag
12
ven
BASSI MAESTRO & DJ ZETA @ Locomotiv Club | Bologna | Emilia-Romagna | Italia
BASSI MAESTRO & DJ ZETA
Apertura porte 21:30
10€
BASSI MAESTRO & DJ ZETA @ Locomotiv Club | Bologna | Emilia-Romagna | Italia
“Mia Maestà” è il nuovo album ufficiale di BASSI MAESTRO prodotto da Com Era Records e distribuito da A1 Entertainment disponibile in tutti i digital store e nei negozi di dischi dal 31 marzo. L’album arriva dopo cinque anni di silenzio da “Stanno tutti bene” del 2012 e dopo quattro dallo street album “Guarda in cielo”. BASSI MAESTRO è una vera e propria istituzione, una leggenda vivente che dopo aver attraversato tutte le fasi dell’Hip Hop italiano rimane tra i rapper, dj e producer più amati e rispettati dell’intera scena, un artista capace di rinnovarsi ogni volta e ogni volta rimanere attuale senza dimenticare le proprie radici.

“Mia Maestà” è il suo nuovo album che si aggiunge ad una discografia infinita e ricca di grandi classici, un disco in cui BASSI ha prodotto quasi tutte le strumentali mantenendo il sampling come base fondamentale di ogni sua produzione, con un tocco classico anche sui beats più attuali. BASSI si è concentrato poi molto sulla scrittura, riuscendo a far convivere contenuti importanti e spunti di riflessione personale a momenti più leggeri di puro intrattenimento lirico, in puro stile Hip Hop.
<<Gli ultimi anni mi sono serviti per prendermi una pausa e concentrarmi su altri progetti come il lancio della mia etichetta indipendente Com Era, per la quale “Mia Maestà” è la prima release ad uscire anche in formato digitale e non esclusivamente su vinile, e il web format “Down with Bassi”. Nel frattempo ho cercato di capire come muovermi, cercando stimoli sia dalla musica che mi ha sempre ispirato, come i classici Hip Hop degli anni ’90, che dalle nuove generazioni di artisti che hanno saputo rivoluzionare il suono dell’Hip Hop, mantenendo in molti casi anche un legame qualitativamente alto con la storia e i contenuti di questo genere musicale>> – BASSI MAESTRO
“Mia Maestà” è un album ricco di collaborazioni importanti, in cui BASSI MAESTRO ha voluto chiamare a sè diversi artisti che stima ed ascolta, e che per sua stessa ammissione sono stati spesso fonte di ispirazione: rapper mainstream come Fabri Fibra e Gemitaiz, nomi affermati come Nitro, i soci di sempre CdB, giovani promesse come Vegas Jones in una traccia prodotta a quattro mani col producer Boston George e gli emergenti più interessanti della realtà Hip Hop milanese Lanz Khan, Axos, Pepito Rella e Lazza, nella posse track “Benvenuti a Milano”. Tra le collaborazioni infine anche Cesare Pizzetti e Fabio Visocchi, basso e piano del gruppo Loop Therapy, che spesso accompagnano BASSI anche nelle esibizioni live.

 
READ MORE:
http://www.downwithbassi.com/main/
https://www.facebook.com/bassimaestroOFFICIAL/
Mag
13
sab
DARGEN D'AMICO @ Locomotiv Club | Bologna | Emilia-Romagna | Italia
DARGEN D’AMICO
Apertura porte 21:30
15€ + ddp
DARGEN D'AMICO @ Locomotiv Club | Bologna | Emilia-Romagna | Italia

DARGEN D’AMICO – VARIAZIONI DI PRIMAVERA TOUR
Il più autoriale dei rapper italiani sposta e ridefinisce ancora i confini di genere

 

Dargen D’Amico padroneggia come pochi la lingua deflagrata di oggi. Fate caso al funambolismo con cui adatta la pesantezza polisillaba delle nostre parole alla carta quadrettata del beat, o a all’eleganza del suo lessico, o ancora alla disinvoltura dell’accentazione e delle cesure, a come riesce a far risuonare un’immagine dopo che la parola è svanita.

Dargen porterà in tour da aprile Variazioni, il suo ottavo disco che cambia di nuovo le carte in tavola fondendo il rap con la musica colta grazie al pianoforte di Isabella Turso, dando vita ad un progetto originale, intenso ed emozionale interamente prodotto da Tommaso Colliva.

Dal vivo si presenta accompagnato da un pianoforte e da qualche fantasma elettronico, la carta non è più quadrettata, ma bianca come l’aria che circonda le rondini dei suoi versi. Nulla di nuovo, sotto i cieli d’Italia? Il futuro dirà: come disse Ezra Pound, il classico è solo il nuovo che nuovo rimane.
Dargen D’Amico, con sette album ufficiali all’attivo, tra cui due pietre miliari dell’hip-hop italiano come “Musica senza musicisti” (2006) e “Di vizi di forma virtù” (2008), collaborazioni con artisti che includono tra gli altri Max Pezzali, Enrico Ruggeri, J AX, Perturbazione, Fedez, Andrea Mirò, Fabri Fibra è stato definito “menestrello post-moderno”, “cantastorie del ventunesimo secolo”, “folletto metropolitano”, “rapper in 3D”.
Isabella Turso, nata a Trento, si è diplomata in pianoforte con il massimo dei voti al Conservatorio “F.A.Bonporti”. La sua innata curiosità la porta ad affrontare repertori eterogenei che spaziano dal barocco al contemporaneo con misurate incursioni nella musica pop e da film (Album Omaggio a Donaggio). Incontra Dargen alla fine del 2014 e da lì nasce un inteso periodo in studio che li porta a registrare insieme sotto la supervisione del produttore Tommaso Colliva.

READ MORE:
https://www.facebook.com/dargendamico/

Mag
18
gio
TEHO TEARDO & BLIXA BARGELD @ Locomotiv Club | Bologna | Emilia-Romagna | Italia
TEHO TEARDO & BLIXA BARGELD
Apertura porte 20:30
20€ + ddp
TEHO TEARDO & BLIXA BARGELD @ Locomotiv Club | Bologna | Emilia-Romagna | Italia

TEHO TEARDO & BLIXA BARGELD FALL TOUR 2017

 

Qualcosa che non vi aspettereste proprio: la cover di “Hey Hey My My” di Neil Young firmata da Teho Teardo e Blixa Bargeld, il duo più oscuro della musica contemporanea, incessantemente dedito a tracciare nuove rotte per l’anima musicale europea.
 
Si apre proprio con questo monolite rock del celebre musicista canadese il nuovo EP dei 2 artisti, disponibile da oggi, 31 marzo, nelle piattaforme digitali e nei migliori negozi di dischi in vinile per l’etichetta Specula Records.
 
A 2 anni dal precedente EP “Spring”, “Fall” segue il lungo tour dell’ultimo, celebrato album “Nerissimo” che ha portato Teardo e Bargeld a suonare in tutta Europa, Cina e Giappone ed anticipa una nuova serie di concerti. “Fall” esce proprio alla fine dell’inverno e raccoglie quanto realizzato in questi mesi tra Roma e Berlino.
 
In questa versione di “Hey Hey My My”, emergono le distorsioni, Blixa si impadronisce del rullante, la sega musicale diventa una bacchetta magica che veste la canzone di un abito misterioso e, in un crescendo di archi, clarino basso e chitarra baritona, si celebra la scomposizione di una delle canzoni più significative del passato, per rinvenire quella scrittura nell’Europa dei giorni nostri. Perché “una cover si esegue per liberarsi di una canzone che ci perseguita da anni, lo si fa dopo aver trovato se stessi nelle profondità di qualcosa scritto da altri” spiega Teardo.
 
Oltre al classico di Neil Young l’EP contiene altri tre brani inediti: “Ziegenfisch”, “Testosteron Sklaven” e “Bianchissimo”.
 
“Fall” è una vera wunderkammern sonora in cui (ri)scoprire l’attualità di quelle forme primarie, di quei tratti fondanti della cultura europea cari a Teho e Blixa, compresi gli accenni dada del testo di “Bianchissimo” (“Ho superato la membrana/Dò via lino bianco pulito a tutte le anime del Purgatorio/Ho un negozio di biancheria che si chiama Bianchissimo”), un brano ipnotico e teatrale il cui titolo è un evidente divertissement che richiama, per contrasto, il titolo dell’ultimo LP. “Bianchissimo” è una canzone creata impiegando tutte le tracce registrate per la canzone “Nerissimo” e che non sono state utilizzate nel mix finale.
 
Ai 2 maestri di cerimonia, nel disco si affiancano David Coulter alla sega musicale, Gabriele Coen al clarino basso e tutta la sezione di archi con Vanessa Cremaschi ed Elena De Stabile al violino, Ambra Michelangeli e Stefano Azzolina alla viola, Laura Bisceglia e Giovanna Famulari al violoncello.
Dopo aver presentato in anteprima assoluta il nuovo EP “Fall” al Palais de Tokyo a Parigi, il duo riprenderà a suonare in Italia nei prossimi mesi ed eseguirà, oltre ai pezzi del nuovo EP, un lungo brano finora inedito.
Nella line up del tour ci saranno Laura Bisceglia al violoncello, Gabriele Coen al clarino basso ed un quartetto d’archi.
 
READ MORE:
https://www.facebook.com/tehoteardopage/
Mag
26
ven
FINE BEFORE YOU CAME @ Locomotiv Club | Bologna | Emilia-Romagna | Italia
FINE BEFORE YOU CAME
Apertura porte 21:30
10€
FINE BEFORE YOU CAME @ Locomotiv Club | Bologna | Emilia-Romagna | Italia
I finebeforeyoucame suonano insieme dal 1999.
Hanno registrato diversi dischi sia in italiano che in inglese.
Fanno pochi live, per lo più per presentare pezzi nuovi.
Tolto un tour acustico di 11 date l’ultima volta che hanno
suonato dal vivo risale al dicembre 2014.
i finebeforeyoucame sono e sempre saranno
marco, jacopo, filippo, mauro e marco.
 
READ MORE:
https://www.facebook.com/finebeforeyoucame/
http://www.finebeforeyoucame.com/
Mag
30
mar
SLEAFORD MODS @ Locomotiv Club | Bologna | Emilia-Romagna | Italia
SLEAFORD MODS
Apertura porte 21:00
15€ + dpp
SLEAFORD MODS @ Locomotiv Club | Bologna | Emilia-Romagna | Italia

Il feroce e geniale duo inglese hip hop-punk-elettronico-lo-fi arrivasul palco del Locomotiv per presentare l’album “English Tapas”, in uscita il 3 marzo 2017 su Rough Trade!

La nostra società e la nostra vita quotidiana raccontate con sguardo feroce: senza filtri, e con un’ironia così tagliente da sconfinare spesso e volentieri in rabbioso, disperato sarcasmo.
Gli Sleaford Mods sono una cellula disturbata e disturbante, nell’ecosistema musicale odierno: in loro, lo spirito più corrosivo e strafottente del punk originale si sposa – in un modo tanto imprevedibile quanto “inevitabile” nel risultato finale – con la narratività del rap. Jason Williamson è una specie di The Streets molto più incattivito e beffardo (o se preferite, è l’erede perfetto e migliore del “poeta punk” John Cooper Clarke), mentre Andrew Fearn trova il modo di creare i perfetti abiti sonori per questo microcosmo testuale di cinismo, humour e corrosività: batterie elettroniche, schegge (post) punk, sintetizzatori lo-fi.

“undoubtedly, absolutely, definitely the worlds greatest rock n roll band……Sleaford Mods” Iggy Pop

Gli Sleaford Mods sono felici di annunciare che l’uscita del loro nuovo album ‘ENGLISH TAPAS’ è fissata per il 3 marzo 2017 su Rough Trade Records. L’album è stato registrato ai West Heath Garage studios di Steve Mackey (Pulp) a Londra.
L’album uscirà in edizione limitata in vinile rosso, CD, download e in 150 copie in cassetta. I primi 1000 preordini del vinile includono un 7” con una traccia esclusiva “Big Trouble In Little Costa”, un booklet con foto inedite di Simon Parfrement commentate dagli Sleaford Mods, un pacchetto di rizla kingsize e un sottobicchiere per birra.
La cassetta include ‘Sleaford Mods Live at Dismaland 2015’ con un download code del live show.
Jason Williamson dice di ‘English Tapas’: “Andrew entrò in un pub a caso e ha visto “English Tapas” scarabocchiato sul bordo del menù. Questo bellissimo accoppiamento di parole era composto da mezza scotch egg, una ciotola di patatine, sottaceti e una mini pork pie. La dice lunga su questo posto del cazzo: è commedia, è accontentarsi, è ignorante e, soprattutto, è merda”

Guarda un messaggio di Jason https://spaces.hightail.com/receive/GTjrV

L’anno prossimo uscirà anche ‘Bunch of Kunst’ di Christine Franz – il film definitivo sugli Sleaford Mods. Ci sono voluti più di due anni per realizzarlo, e traccia l’ascesa della band, dai pub agli stadi. Il film uscirà all’inizio del 2017.
Guarda il teaser qui: http://www.bunchofkunst.com/

“This documentary film is the perfect antidote to those sexy, racy, rocknroll yawns most bands hide behind. We are indeed A Bunch of Kunst” – Jason Williamson

Gli Sleaford Mods sono Jason Williamson (parole) & Andrew Fearn (musica)

READ MORE:
https://www.facebook.com/SleafordModsOfficial
https://www.sleafordmods.com/

Giu
1
gio
CODY CHESNUTT @ Bio Parco @ Parco Del Cavaticcio | Bologna | Emilia-Romagna | Italia
CODY CHESNUTT @ Bio Parco
Apertura porte 21:00
CODY CHESNUTT @ Bio Parco @ Parco Del Cavaticcio | Bologna | Emilia-Romagna | Italia

Con il prossimo tour l’artista presenterà “My Love Divine Degree”, terzo attesissimo album in studio, anticipato dai singoli “Bullets In The Streets and Blood” e “I Stay Ready”.
Cody ChesnuTT è un talento underground, erede moderno del patrimonio di black e soul music. Nato nel 1968 ad Atlanta, in Georgia, inizia la carriera musicale dopo il trasferimento a Los Angeles, dove inizia a lavorare per la Death Row Records come compositore di testi e musica per una band dell’etichetta; il suo primo vero progetto musicale sono però i The Crosswalk, band rock che ottiene un contratto discografico con la Hollywood Records ma che si scioglie da lì a poco, senza pubblicare alcun album. Cody continua così la sua strada in solitaria senza lasciarsi scoraggiare, dimostrando quanto non solo il talento bensì anche la sua incredibile perseveranza lo abbiamo condotto lentamente al successo mondiale.
Agli inizi degli anni 2000 compone vari pezzi, registrandoli nella propria camera in versione lo-fi; il risultato è un album grezzo e incredibilmente sincero, diretto e innovativo, un doppio LP composto da 36 canzoni raccolte sotto il nome di “The Headphone Masterpiece”. L’album ha ottenuto ottime recensioni da critica e pubblico, una vera e propria boccata d’aria fresca nel panorama musicale del tempo, ed è inoltre entrato per una settimana nella Billboard 200 Chart. Nello stesso anno la popolarità dell’artista si impenna con l’enorme successo ottenuto dal singolo “The Seed”, una canzone di Cody arrangiata dalla hip-hop band The Roots; il singolo raggiunge l’attenzione dei media di tutto il mondo e viene trasmessa a lungo e tutt’oggi, come hit dal groove intramontabile. Con questa svolta Cody riesce finalmente a raggiungere il grande pubblico, da citare la partecipazione allo Smokin’ Grooves tour al fianco di Lauryn Hill e Outkast.
Da allora il suo viaggio artistico è proseguito sfornando singoli come “The World is Coming”, “Afrobama” e l’EP “Black Skin No Value” fino a pubblicare, dopo ben dieci anni di incubazione, il suo secondo album “Landing On A Hundred” un mix di blues r’n’b e funk che solo ChesnuTT può sfornare con una naturalezza lodevole. I fan del guerriero del soul aspettano ora con entusiasmo il nuovo album “My Love Divine Degree” e il tour che farà conoscere questa nuova perla al pubblico anche dal vivo.